Dott. Giancarlo Gramaglia

Psicologo Psicoanalista Psicoterapeuta - Torino

Nevrosi

Sì, proprio quelle psicopatologie da cui Freud era partito per scoprire la psicoanalisi.

nevrosiIn ogni persona si possono ritrovare dei tratti nevrotici che possono essere curati.
La nevrosi è una difesa il cui errore, riconosciuto, si può correggere. Occorre scendere dalla giostra e trovare un aiuto competente: da soli si resta afferrati all'offesa ed all'inganno ricevuto.
Il nevrotico non riesce a giudicare correttamente: non riesce a trovare il giusto equilibrio tra l’io di sé (un chi non riuscito) e le relazioni con gli altri del proprio universo. Si ritrova sempre in un tempo che non è il suo. Ammira l’altro che ha il proprio, ma non riesce a scendere dalla giostra.

Non si guarisce imparando a mentire, o facendo finta, o prendendo ansiolitici. Occorre rivisitare in prima persona col proprio modo di dire la propria storia. L’impossibilità a concludere in un giudizio, tipica della nevrosi, significa anche nevrosi particolareimpotenza a costituire un atto. Vi è sempre qualche cosa che è lasciato in sospeso, che non può essere colto, afferrato, posseduto, un che di non risolto.
Aggrapparsi alle illusioni per non cadere e ritrovarsi, solo, dall’altra parte.
L’angoscia è svelata in ogni nevrotico: oscilla dall’incapacità di giudicare in che misura la mancata soddisfazione sia imputabile al mancato aiuto dell’altro, oppure alla propria incapacità di giovarsi.
In ogni dove ed in qualunque momento si trattano le nevrosi. E' luogo di conquista di qualsiasi attività sociale, pratica intellettuale o mediatica. In particolare la nevrosi è divenuta l’affare più importante da sottomettere per la perversione: “fidati, lo dico per il tuo bene!”

nevrosi

 

Il pensiero della nevrosi, debilitato e affaticato, nel tentativo di sollevarsi dal senso di colpa individuale opprimente e instabile, può cedere facilmente il passo all'incalzare della perversione, mentre la ruota del destino gira ancora.

Questioni, domande, un vostro problema?

Psicologo Giancarlo Gramaglia

 

Torna Indietro

 

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Giancarlo Gramaglia utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l`utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare, si accetta e si approva la nostra policy sull`impiego di cookies. Per saperne di più sulla nostra policy dei cookies