Dott. Giancarlo Gramaglia

Psicologo Psicoanalista Psicoterapeuta - Torino

Disturbi Alimentari

madonna s girolamo correggioIl bambino mangia per piacere e sta bene.
Il pensiero del bambino è all’altezza del pensiero di ciascuno, chiunque esso sia: egli incontra l’universo leggendolo e dicendolo con il principio di piacere integro e sano.
Quando nel bimbo prevale sul sano il massacro dell’idealismo educativo, del “mangia perché ti fa bene” delle teorie imposte, diventa possibile ogni riferimento alle teorie patogene più diverse.

disturbi alimentari bimbi che mangianoIl bimbo viene accolto nella nostra società come un essere da istruire, come una lavagna su cui va scritto. Genitori e parenti impongono ciò che poi le istituzioni confermeranno: l’errore consiste nel teorizzare un troppo di sapere ed esaltare valori come doveri portanti della propria formazione. La correzione va fatta senza più teorizzare la volontà come perno intorno a cui ruota la scolastica dell’obbligo negando la norma soggettiva,disturbi alimentari gola bensì privilegiando l’interesse dello star bene del soggetto.

I vizi capitali compaiono in Aristotele che li definiva "gli abiti del male". Al pari delle virtù i vizi derivano dalla ripetizione di azioni che formano in colui che li compie una sorta di mantello stereotipato che lo caratterizza in una direzione pre-definita. Nel medioevo i vizi sono visti come un'opposizione della volontà umana alla volontà divina: “il Signore ti vuole buono ed ubbidiente”.
Invece i vizi sono logici: essi risultano dall’applicazione della logica dei predicati alle proprietà umane: sei cattivo, sei grasso, sei piccolo, sei avaro…: che diventano con l’andar del tempo vizi morali, invece sono semplicemente un collage.

Si tratta di una enorme imposizione: sovra-posizione ostile fatta nei confronti di una persona senza difesa, ingenua, che non poteva non credere alle persone attorno che badavano a lui : ecco l’espropriazione e il non rispetto della norma soggettiva!
Il progetto di cura passa nel ritorno al centro dell’attenzione, ma non da solo.

 madonna s girolamo correggio disturbi alimentari 

Il bimbo non più idealizzato come quello del Correggio che legge la vulgata, ma che mangia come ciascuno bambino nella Ma-donna di S. Girolamo, Castità e lussuria sono il segno dell’anoressia e la negazione del rapporto (S&Au).
L’anoressia è lì a dirci che non c’è oggetto nel rapporto: “io non mangio e se mangio lo vomito!”. E’ proprio perché non c’è l’oggetto che lo vomiterò: non c’è alcuna logica che governa la relazione. L’oggetto diverrà persecutorio: lo vomiterò o lo mangerò senza gusto, proprio perché il medico mi ha prescritto scientificamente una fascia di cibi nella loro qualità e nella loro quantità. Rimedio che non funzionerà.
Il senso di colpa coincide con la credenza che il mio stato dipenda da una catena di cause contro le quali non posso farci niente, che la mia storia sia così, ed è così perché i miei genitori sono stati così.
Favole idealizzate del passato a cui a volte è più comodo credere piuttosto che riconoscerle imputandole.

Dove vanno le pulsioni? Né verso il bene né verso il male, vanno a soddisfazione.

Non c’è né vizio né virtù, né peccato né santità: categorie astratte che hanno ingabbiato il pensiero dell’uomo per secoli.
Bene e male: per reggere un connubio immaginario tra spirito e materia, tra corpo e psiche, tra yin e yang, tra concreto e astratto, tra fortuna e sfortuna: oggetti-concetti che possono solo esistere se sorretti e puntellati da credenze a priori.
Il soggetto si farà strada in quella selva di teorie : tra il lastricato della dicotomia inconscio cosciente per riprendersi Es e diventare Chi attraverso le sue libere associazioni in groppa a bestie a volte incavalcabili.

Vizi e virtù: dove vanno le pulsioni? (n.177 dal catalogo delle Opere di Ettore Gramaglia)

APPROFONDIMENTI:

Verso l'anoressia (30 settembre 2014)

 Questioni, domande, un vostro problema?

Psicologo Giancarlo Gramaglia 

Torna Indietro

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili. Giancarlo Gramaglia utilizza i cookies per consentirti la migliore navigazione. Il sito è impostato per consentire l`utilizzo di tutti i cookies. Se si continua a navigare, si accetta e si approva la nostra policy sull`impiego di cookies. Per saperne di più sulla nostra policy dei cookies